Stoccolma, una piccola metropoli.

101_svezia_stoccolma_veduta_racconti_di_viaggioAvete voglia di sapere qualcosa in più circa una nazione del nord europa e la sua capitale che negli ultimi anni sono entrate nel nostro vivere quotidiano grazie a mobili e complementi di arredo in larga scala, una linea di abbigliamento “democratica” distribuita in tutto il mondo e piccole e golose polpettine surgelate da consumare con marmellata di mirtilli?

Avrete realizzato che mi riferisco alla Svezia e a Stoccolma, capitale e più grande città della nazione. Più grande pur mantenendo dimensioni assolutamente contenute, con circa 850.000 abitanti ed una qualità di vita invidiabile sotto moltissimi aspetti. Ciò nonostante si respira un clima da grande metropoli per il melting pot di culture che convivono e rendono sempre vivace e nuova la vita quotidiana della città. Turchi, polacchi, marocchini, giapponesi, italiani riempiono soprattutto il centro storico e lo arricchiscono con i loro negozi e ristoranti dai sapori più diversi.

Stoccolma sorge su 14 isole nel cuore di un favoloso arcipelago. E’ una città magnifica, un concentrato di cultura svedese e un modello di innovazione, tecnologia (Skype e Spotfy sono nati in questa città) e benessere. Stoccolma ha infatti tutti i vantaggi e le attrattive di una metropoli senza averne, però, gli svantaggi. Nessuna città delle stesse dimensioni può vantare una posizione naturale così esclusiva, tra laghi, mare e foreste. Poche metropoli al mondo sono così attente ai bambini e alla tutela dell’ambiente.

103_svezia_stoccolma_Drottningholm_racconti_di_viaggioMa Stoccolma sorprende anche per l’intensa vita culturale (75, tra musei e attrazioni) e la vivace vita notturna, concentrata nelle zone di Södermalm, Vasastan e Kungsholmen, mentre per lo shopping di design (altra grande attrattiva della città) i quartieri da privilegiare sono SoFo e Södermalm.

La City, invece, comprende la Città Vecchia (Gamla Stan) e Södermalm, due quartieri collegati da ponti sul lago Mälaren. Le sue acque incontaminate invitano a fare il bagno o pescare salmoni, lucci, pesci persici e altre specie d’acqua dolce.Oltre i ponti che portano alla parte meridionale della città si trova Långholmen, l’isola su cui gli abitanti di Stoccolma trascorrono le pigre giornate estive, sdraiati sotto i salici caratteristici che punteggiano la riva sud del lago.

Sono diversi i siti che meritano una visita, interessanti quanto impronunciabili… il Moderna Museet, sull’isola di Skeppsholmen, e il Nationalmuseum sul canale di Strömmen, di fronte al Palazzo Reale; l’Historiska Museet, con i reperti più antichi della storia svedese, e il Vasamuseet. Furono necessarie circa mille querce per costruire il Vasa, il più grande e anche il più costoso vascello da guerra mai costruito fino ad allora, quando Gustav II Adolf lo commissionò, nel 1625, durante la Guerra dei Trent’anni.

101_svezia_stoccolma_nave_vasa_racconti_di_viaggioMaestoso ma imperfetto… affondò nel 1628 dopo aver percorso poco più di un chilometro! Lì rimase fino al 1961, quando venne recuperato, restaurato e poi esposto al pubblico, insieme ai circa 14mila oggetti in legno ritrovati a bordo, comprese 700 sculture dipinte e dorate raffiguranti leoni, eroi biblici, imperatori romani, creature marine e divinità greche che celebravano la grandezza, la potenza e le ambizioni politiche del monarca svedese, tutti ricollocati nelle loro posizioni originali. Oggi il vascello è una delle principali attrazioni di Stoccolma.

Gli eventi a Stoccolma sono frequentissimi: il Salone del mobile e della illuminazione, il Salone Nautico, diverse regate, una importante maratona, la festa delle aringhe e dei gamberi ma primo tra tutti, ovviamente, è la Giornata del Nobel, il 10 dicembre, con la consegna dei premi ai vincitori, che prosegue nella serata con il banchetto presso il Municipio alla presenza dei Reali di Svezia.

Questi, in breve, i punti base per un tour più che soddisfacente della città; c’è poi un ulteriore aspetto che mi piace sottolinearvi, che riguarda le particolari atmosfere dei locali pubblici di Stoccolma, dove il buio dei mesi invernali ha trasformato gli svedesi in autentici esperti nel creare atmosfere calde e confortevoli. Quando arriva l’autunno a Stoccolma, nessun caffè che si rispetti dimentica di tirar fuori le candele e un caldo assortimento di coperte e cuscini.

104_svezia_Stoccolma_icebar_racconti_di_viaggioQuindi che la sosta sia solo per una cioccolata calda accompagnata da biscotti allo zenzero e cannella, o per un pasto completo (e bello calorico… le basse temperature di questo paese hanno fatto si che i piatti siano particolarmente calorici e nutrienti a base di pesce, carni inconsuete -alce, renna e cerbiatto- e patate), ci si sentirà avvolti dal tepore accogliente di casa grazie a morbide sedute, luci calde e camini accesi.

E se il caldo arrivasse a infastidirvi? Un salto all’Icebar ma… copritevi bene!

Manuela Lamanu Manzotti

 

Uff. Stampa
Se questo articolo ti è piaciuto condividilo ...

lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Non vogliamo spam nel nostro blog. Il tuo commento verrà controllato dalla redazione.