Nel Maine tra aragoste, mirtilli e zucche!

Ho sempre desiderato visitare il Maine, prima immaginato leggendo tutti (si, ho detto tutti… ne sono stata dipendente per molto tempo) i libri di Stephen King, immancabilmente ambientati in questo Stato, e poi visto attraverso la TV grazie alle ambientazioni di una celebre serie dedicata alla signora Fletcher, la Signora in Giallo, nella deliziosa città di Cape Code.

505_america_maine_autunno_racconti_di_viaggioInserito a pieno diritto nei 10 luoghi al mondo in cui l’autunno è una stagione straordinaria, ed ambito dagli artisti che vi si recano per cercare l’ispirazione per i propri scritti o disegni, il  Maine è uno Stato federato degli Stati Uniti d’America; è il più nordorientale della federazione e della Nuova Inghilterra, si affaccia a sud-est sull’Oceano Atlantico e confina ad est a nord e a nord-ovest con il Canada e con il New Hampshire a sud-ovest.

La fascia litoranea a sud è costituita dalle pianure costiere che si estendono verso l’entroterra per circa 60 km; questa zona è caratterizzata da spiagge pianeggianti e sabbiose.

Le coste a nord sono molto frastagliate, con strette insenature che delimitano lunghe penisole, e sono fronteggiate da numerose isole, di cui la maggiore è quella di Mount Desert.

Il Maine, come ho anticipato, è lo stato prediletto dallo scrittore di romanzi horror  Stephen King che, essendo originario del “Pine Tree State” vi ha ambientato quasi tutti i suoi romanzi.

Spesso, quindi, ricorrono i nomi di cittadine come Bangor, Portland, Salem, ma in genere l’autore preferisce inventare nomi di paesi. Egli stesso possiede una villa a Bangor.

503_america_maine_faro_racconti_di_viaggioIl Maine è stato uno dei primi punti d’approdo dei coloni europei che partivano alla scoperta del Nuovo Mondo. Ancora oggi, questo angolo d’America conserva un’atmosfera d’altri tempi e consente ai turisti di sentirsi un po’ come i primi coloni intenti ad esplorare la frastagliata costa che si affaccia sull’Oceano Atlantico oppure a inerpicarsi sulle montagne che caratterizzano il paesaggio della zona più settentrionale dello Stato, dominata dalle White Mountains e dal Monte Katahdin, il rilievo più alto del Paese. Ma il Maine, nell’immaginario a stelle e strisce, è anche il simbolo delle tradizioni legate al mare. Negli oltre cinquemila chilometri di baie, isole, penisole, istmi e fiordi che compongono la sua costa, si aprono tranquilli porticcioli circondati da piccole casette in legno e affollati di barche per la pesca delle aragoste, qui particolarmente saporite grazie alla bassa temperatura delle acque. I “rustici”, come amano definirsi gli abitanti i locali, vivono ancora oggi una vita semplice scandita dall’alternarsi delle stagioni, sottolineata dal fall foliage, vero e proprio evento naturale che cade tra settembre e novembre e tinge di rosso, giallo e arancio foreste e parchi del Paese.

Noleggiare un’auto ed andarsene a zonzo lungo la costa è una esperienza indimenticabile, e ogni momento del giorno e della notte saranno caratterizzati da qualcosa di delizioso e straordinario

Le possibilità di sistemazione lungo la costa sono assolutamente fuori dal comune: innumerevoli fari sono stati trasformati in caratteristici bed&breakfast, accoglienti e con una dose di fascino considerevole; piccole locande da romanzo, con decori tipicamente “new england” ed attenzioni tali da parte dei proprietari  da rivaleggiare con strutture di lusso.

504_america_maine_aragosta_racconti_di_viaggioOvunque, e lo sottolineo, è possibile gustare prelibati e freschissimi frutti di mare con pochi dollari, secondo il proprio gusto… qui ogni stile di cucina è previsto, dal semplice vapore al fritto più estremo passando per tutti i tipi di salse e burro aromatizzato. Nei primi 15 giorni di agosto a Rockland si svolge il più importante evento gastronomico del Maine, il Maine Lobster Festival, che richiama visitatori da ogni latitudine.

Anche chi è prevenuto nei confronti della cucina americana, dopo un viaggio nel Maine sarà costretto a ricredersi. Davvero impressionante la varietà di piatti a base di pesce e di crostacei tra i quali si può scegliere. Naturalmente il piatto nazionale è l’aragosta che viene generalmente servita con una ciotolina di burro fuso e accompagnata da insalata, brodo di molluschi, patate fritte. Bisogna stare attenti però alle porzioni che sono all’americana e quindi sempre molto abbondanti. I piatti a base di pesce vengono spesso annaffiati da bevande alcoliche ricavate da mele, mirtilli e lamponi. A seguire, e sarà una scelta obbligata trovandosi nello Stato che li coltiva in misura imponente, una fetta di torta ai mirtilli o alla zucca; sapori incredibili, quasi antichi.

Infine, per chi se lo può permettere, un salto a Freeport che, oltre ad essere una città interessante, è sede di outlet di diversi brand molto famosi: Ralph Lauren, Banana Repubblic, Brooks Brothers e Timberland… i prezzi sono talmente incredibili che non di rado si è costretti ad organizzare un ulteriore bagaglio, al ritorno dalla vacanza…!

Uff. Stampa
Se questo articolo ti è piaciuto condividilo ...
potrebbe interessarti anche
Ago 19, 2016
Dal mare, oggetti decorativi. Quante volte passeggiando su spiagge solitarie ho raccolto e osservato curiosamente strani oggetti che il mare ha riconseg ...
Giu 16, 2015
New York perde il suo Paradiso dei giocattoli... chiude FAO Schwarz Brutta notizia per i bambini (e non solo, considerato che gli adulti si divertono q ...
Lug 1, 2014
  Immersioni in muta d'acciaio a Grand Bahama! Ed eccoci, come preannunciato, alla terza parte del racconto del nostro recente viaggio alle Bahamas ...

lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Non vogliamo spam nel nostro blog. Il tuo commento verrà controllato dalla redazione.