Isola di Mafia: l’incontro con gli squali balena

 

Diving in Tanzania Mafia IslandQuesta volta voglio raccontarvi il mio viaggio in quest’isola ancora poco conosciuta e battuta dal turismo (al contrario della vicina Zanzibar).

Sono partita a metà marzo con l’idea di ritrovarmi immersa nella natura africana, non sono rimasta scontenta.

Arrivati a Dar el Salam, veniamo trasferiti all’aeroporto per il volo interno, su un bi-plano, con alcuni abitanti dell’isola e altri quattro turisti.

Atterriamo su una pista non asfaltata, con bambini, galline e capre che l’attraversano.

L’aeroporto è una baracca in lamiera… da fotografare!

Saliti sulla Jeep che ci aspettava, percorriamo, per circa trenta minuti, l’isola da una parte all’altra, fino a giungere al Resort.

Ci attende una struttura creata in armonia con il vicino villaggio.

Semplice ma curato; sorge direttamente sulla splendida spiaggia di Chole, all’interno del Parco Marino.

La baia è un luogo di incomparabile bellezza: protetto dalla barriera corallina e con acque calme.

È l’unica struttura con la spiaggia, le altre infatti (che si trovano su questo lato) non si affacciano su di essa, ma dispongono di piscine.

Mafia Island TanzaniaAl Mafia Lodge, ci sono quaranta stanze semplici ma accoglienti.

Garantisce  un’ottima cucina (il gestore è italo/americano). Colazione, pranzo e cena, sono allestiti nell’unica ma scenografica sala, che si affaccia sul giardino vista mare.

Ben fornito il bar, per piacevoli chiacchierate serali.

Per chi ama, come noi, praticare attività subacquea, c’è una buona collaborazione tra il lodge e il vicino diving, che non si trova all’interno ma poco distante lungo la spiaggia.

Ci dirigiamo, quindi, in spiaggia, dove lettini e ombrelloni in paglia, ci attendono per rilassarci.

Davvero speciale lo scenario di persone con abiti coloratissimi, che verso sera passano per riprendere le barche per il rientro nel loro villaggio a Chole (nessuno viene disturbato, perché due guardie vigilano sul lodge, al fine di garantire completo relax per gli ospiti).

Percorrendo la spiaggia, si incontra il diving di gestione Italiana.

Disponibili attrezzature complete e tre barche (di cui un davvero grande per le escursioni full-day).

Partenza la mattina, con imbarco davanti al lodge.

Tanzania resort Mafia IslandDopo un breve tratto di navigazione, le guide sub ci fanno i briefing sulle immersioni della giornata. Sull’Isola di Mafia ci sono ben sedici punti d’immersione.

Qui gli squali balena sono stanziali, ovviamente ci sono periodi con più abbondanza di cibo, che vanno da gennaio a metà marzo.

Per vedere gli squali balena ci trasferiamo dall’altro lato dell’sola, con una Jeep (la stessa usata per il trasferimento in aeroporto).

Si arriva ad un Resort chiamato Butiama che  organizza le uscite con barche a motore apposite; le barche  possono contenere cinque o sei .

Io sono uscita due volte perché sono rimasta affascinata da questi enormi mammiferi e solo nel corso della prima uscita abbiamo nuotato con venti squali balena.

La sorpresa più grande e che non c’è orario per la permanenza in acqua, quindi si può nuotare senza alcuna pressione per il rientro.

Dal Mafia Lodge è possibile organizzare escursioni al faro di Ras Mkumbi, oppure la visita alla Foresta di Mlola o ancora alla vicina Baia di Chuvia.

Arrivati all’ultimo giorno, soddisfatti e ripagati dell’esperienza fatta sia in acqua che con le persone del luogo, rientriamo in Italia.

Per qualsiasi informazione o curiosità, sono a vostra disposizione!

 

Per approfondire…guide turistiche e libri

 

guida_zanzibar_mafia_pemba

Zanzibar. Pemba-Mafia (Bradt Guides)

 

 

 

 

 

 

 

 

guida_tanzania

Tanzania (Guide EDT/Lonely Planet)

 

 

 

 

 

 

 

 

psicologia_e_psicodinamica_immersione_subacquea

Psicologia e psicodinamica dell’immersione subacquea, di Franco Angeli  (collana Serie di psicologia)

 

 

 

 

 

 

 

Avatar
Uff. Stampa
Se questo articolo ti è piaciuto condividilo ...
potrebbe interessarti anche
Apr 2, 2015
Voglia di Maldive... Andiamo ad Hanimadhoo, al Barefoot Resort!   Mia Moglie ed io cerchiamo di ritagliarci ogni anno una vacanza per tornare su qu ...
Feb 24, 2015
Raja Ampat, un paradiso chiamato Agusta! Ci eravamo dati appuntamento, qualche tempo fa, in occasione dell'articolo dedicato alle Mante di Arborek, per r ...
Gen 6, 2015
Raja Ampat: il balletto delle mante di Arborek! Novembre... un mese forse inconsueto per partire per un viaggio importante, considerate le imminenti fest ...

lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non vogliamo spam nel nostro blog. Il tuo commento verrà controllato dalla redazione.